Io mi fido del Governone Letta1 min


[Tempo di lettura stimato: 2 minuti]

Quando ho saputo del Governo Letta ho passato in rassegna una serie di suffissi che calzassero al meglio e fossero in grado di definire il mio sentire rispetto alla formazione top class scelta e alla mission che gli è stata assegnata. Ho pensato a un banale governissimo, a governicchio, governetto, governello, governaccio, non trovandoli confacenti. Poco dopo ho puntato deciso su governone e mi è piaciuto, quindi sarà "Governone Letta". Venerdì scorso Michaela Biancofiore ha ricevuto la delega alle Pari Opportunità ed è scappata a confessare il suo sincero odio verso la comunità gay. Un'affermazione che le è valsa il sottosegretariato, essendo stata poi assegnata alla Pubblica Amministrazione. Alcuni hanno criticato la scelta del 'cambio di deleghe' come provvedimento eccessivamente morbido - quasi "una promozione" dicono in partito a Bolzano, dalle parti di Michaela. Ma non è così.

Io mi fido del Governone Letta. Tanto le improvvide dichiarazioni non possono nuocere fuori dal ministero delle Pari Opportunità - a ogni Palazzo la sua offesa. Tanto non lo ha scritto su Facebook. Tanto la condotta pubblica della Biancofiore non può inficiare il lavoro di un altro ministero qualsiasi o dell'intero Governone. Tanto i lavoratori pubblici che a quel ministero fanno riferimento sono tutti etero e sinceramente privi di opinioni su questo tipo di argomento. Tanto il Governone Letta è guidato dal PD, ed è a maggioranza PD, quindi se Michy fosse andata davvero fuori le righe si sarebbe pentita amaramente. Tanto il PD è garanzia di un governo potabile - si è sacrificato per darcene uno, ricordiamolo sempre alzando gli occhi e i sorrisi al cielo. Tanto siamo agli sgoccioli di un governo di scopo pratico e funzionale che ha trascinato Berlusconi e i suoi su posizioni progressiste. Tanto a garantire sul Governone Letta aleggia austero e giusto lo spirito di Giorgio Napolitano del quale io mi fido ciecamente.

Fanno la Storia e io li invidio tutti. In questo momento vorrei essere almeno Micciché.

(CIAO A TUTTI è una specie di rubrica talvolta satirica che se potesse permettersi una macchina la comprerebbe solo per farsi un portachiavi con sopra il Governone Letta).

Iscriviti alla nostra Newsletter

Segnala un errore

LINEE GUIDA AI COMMENTI